Go to Top

Sai Come Me L’Immagino?

Nesquik

Nesquik

Progetto: “Sai come me l’immagino”

Brand: Nesquik

Area: Sviluppo

Obiettivi: Condividere con gli utenti  la riprogettazione dell’area del sito Nesquik dedicata ai genitori, sin dalle  primissime fasi di briefing, ideazione e incubazione.

Com’è andata: La conversazione ha avuto luogo in un “cantiere”, un luogo nuovo di relazione e un filo diretto tra l’azienda e le voci autentiche dei suoi consumatori. Dopo 8 settimane, 40 utenti iscritti, 70 conversazioni e 212 commenti,  si è conclusa con il briefing degli utenti negli uffici dell’azienda.

Cosa abbiamo imparato: La motivazione a partecipare deve essere molto chiara fin dalle primissime fasi della progettazione.
Una progettazione completamente in chiave “social” consente ai partecipanti di sentirsi cittadini attivi della Rete e non consumatori “sfruttati”.  Deve essere chiaro che la creazione di valore che  deriva da un progetto simile è innanzitutto a loro favore, e non solamente a favore del brand o dell’azienda.

Quando il linguaggio usato è tecnico e non pubblicitario, questo valorizza la loro competenza e il loro giudizio critico. I partecipanti sono stati “empowered”: essere trattati come persone pensanti fa sì che la qualità dei contenuti sia molto alta.

Lo storytelling personale è un potente facilitatore: gli utenti  hanno raccontato il consumo del prodotto dal loro personale punto di vista, ma anche la navigazione del web come loro la intendono.

La presenza del brand nella conversazione attraverso le sue persone, dà valore alla collaborazione della comunità.

E dopo? Indispensabile  una comunicazione chiara, diretta e trasparente di  cosa si farà con gli output prodotti dalle persone, e nuove idee per partecipare anche alle fasi successive.

Le criticità: Sfruttamento di community? Una delle criticità maggiori che si presenta in questo tipo di progetti,  è “l’accusa” di sfruttare un lavoro svolto gratis dagli utenti. In questo caso il sito “sai come me l’immagino” ha funzionato con i meccanismi  volontari e liberi di un social network, e ha prodotto un insieme di feedback su cui l’azienda si mette al lavoro. I consumatori quindi non si sostituiscono al lavoro dei professionisti, ma possono indirizzarlo decisamente con i loro desideri.

Visita il sito: www.saicomemeloimmagino.it

Commenti

Powered by Google+ Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*