Come ti fa sentire il brand che preferisci?

Spesso abbiamo parlato di insight, di come fare a riconoscerli in quello che ci dice la gente, e come tradurli in comunicazione.

Lo stesso marketing dei grandi marchi, come notavamo anche a proposito del conflitto tra tecnofobi e tecnoentusiasti, può essere un territorio di ricerca: vi si possono riconoscere moderne macro-piattaforme di insight, cioè dei grandi contenitori di sensazioni dove più o meno “caschiamo” tutti prima o poi. Perché? Perché ci toccano: appunto in quei territori, i brand scelgono di stabilire una comunanza di valori con noi.
Proviamo ad individuarne alcuni:

La socialità

Da sempre alla base dell’identità Coca Cola, la condivisione è il motivo dominante della campagna 2013 con le bottiglie personalizzate (“condividi questa Coca con…”) e di quest’altra bellissima idea.

https://www.youtube.com/watch?v=t9cmoT_wb0A

Condivisione è la parola magica dei social, e il brand Coca Cola possiede da sempre un DNA social: quale patrimonio migliore su cui costruire ancora per decennI?

L’individualità

Al contrario di Coca Cola e nonostante le campagne apparissero del tutto simili al momento del loro lancio un anno fa, il valore centrale di #nutellaseitu è l’individuo. L’insight, dopo anni di colazioni in famiglia, vira decisamente verso la coccola personale.

https://www.youtube.com/watch?v=DZf1soMJzkc

No, si scherzava. Non si rinuncia alla colazione in famiglia, ma il messaggio, quello può essere solo tuo: estrema personalizzazione.

https://www.youtube.com/watch?v=QPJFuZ9Cg40

L’autostima

Dove ha parlato per la prima volta di bellezza autentica e ha lanciato una vera e propria campagna per l’autostima femminile. Ma diciamocelo, l’autostima di una donna passa pur sempre per la bellezza. Il merito del brand è stato quello di aver liberato quella bellezza dagli stereotipi pubblicitari. Il messaggio resta questo: “tu sei più bella di quello che pensi”.

Un passo avanti lo fa Pantene. La bellezza che risplende fuori è la forza interiore, è l’assertività, da sempre territorio minato per le donne. Per Pantene le donne forti sono ancora più belle. #shinestrong

https://www.youtube.com/watch?v=kOjNcZvwjxI

https://www.youtube.com/watch?v=rzL-vdQ3ObA

Un messaggio, quello di Pantene, degno delle migliori  E. Watson e S. Sandberg: fatevi avanti, non abbiate timore di brillare. In questo caso un brand prende una posizione che non esiteremmo a definire politica: una posizione femminista.

Il marketing che sposa i grandi insight si sposta dal gadget, dalla promozione e dall’omaggio alla natura più profonda del prodotto stesso. Non si possono neanche più definire campagne in senso tradizionale: sono prese di posizione sull’identità di un prodotto.
Un prodotto con cui mi sento socievole, mi sento mi sento bella, mi sento… meritevole, mi sento me. Tutto, in quest’ottica, è marketing della personalizzazione.

Avete un brand preferito? Che posizione ha preso? E come vi fa sentire?

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*