Lean Branding: in cosa consiste?

Mettiamo che tu abbia bisogno di una guida esperta e di un modello semplice e misurabile per impostare la tua strategia di branding e i tuoi piani di marketing.

In cosa consiste il mio metodo?

Per spiegartelo, userò  una similitudine. Prendiamo come esempio la costruzione di un sito web, ovvero un luogo, un oggetto, con cui si presentano una quantità di informazioni a un pubblico che interagisce. Una cosa è l’architettura dell’informazione, cioè la sua organizzazione sottostante, il pensiero che ti guida. Una cosa è l’interfaccia, ovvero il modo in cui il pubblico entrerà in contatto e userà concretamente questa architettura. Ti torna?

Per far vivere un’esperienza utile e desiderabile alle persone, devi avere sia l’architettura che l’interfaccia giuste.

Ebbene nel campo del branding e del marketing management, l’architettura è la strategia, e l’interfaccia è l’esecuzione. Con la strategia crei una promessa di valore condivisa con le persone, e con l’esecuzione mantieni quella promessa nel mercato.

Quanto è eccitante questa fase di design? Moltissimo.  Quanto è difficile? Tanto, se non disponi degli strumenti e della guida giusta. Potresti avere la strategia – architettura – giusta ma perderti nell’esecuzione – interfaccia – sbagliata. Potresti avere un insieme di tattiche esecutive fantastiche ma partire dalle premesse strategiche sbagliate.

Perché non funziona? Perché non cresco abbastanza? Come posso migliorare? Saranno queste, probabilmente, le tue domande.

Forse dovrai rilavorare varie volte alcuni moduli della strategia (il target, il prodotto, l’identità, la promessa…) o alcuni aspetti dell’esecuzione (la comunicazione, i luoghi e i modi in cui arriva ai destinatari…) prima di arrivare alla “quadra” giusta: tutto questo è normale, non si nasce imparati, si impara solo facendo.
Dopo il design iniziale, questo processo lo chiamo brand pivoting: gli aggiustamenti necessari per raggiungere la strategia e l’esecuzione migliore per far crescere il tuo business.

Non è tutto: per ciascun aspetto da progettare (design) o rilavorare (pivoting), dovrai avere un metodo per testare e misurare. Altrimenti come faremo a sapere se siamo sulla strada giusta?

Se mi hai seguito fin qui, ti ringrazio. Ora ognuno dei concetti in grassetto di questo post potrà diventare un modulo di un progetto, un workshop collaborativo, un test quali-o quantitativo.
Ecco, in breve, in cosa consiste il percorso del lean branding.

Follow me : )

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*