Il kit dello storyteller (5 consigli e 2 slide)

/
Storyteller si nasce o si diventa? Come sempre, tutt'e due le cose. Un piccolo tutorial per chi vuole coltivare queste abilità.

BdiBlogger: le cose che si imparano in una stanza con blogger, aziende e agenzie

/
BdiBlogger è un evento che ha osato fare qualcosa di molto coraggioso: mettere insieme blogger e aziende in un dibattito spontaneo. Ecco cosa ci siamo "portati a casa", dal mio punto di vista.

7 modi per essere competitivi

/
Come scrivere una strategia competitiva ovvero cosa si sa fare meglio, come e perché: dal manuale di marketing ai social, le buon regole sono sempre quelle.

Come ti fa sentire il brand che preferisci?

/
La personalizzazione e alcuni macro-territori di insight nella comunicazione dei grandi brand

Noi, le tecnologie, Ikea e Coca Cola

/
Siamo circondati ovunque da tecnofobici e noi stessi vittime di sensi di colpa . L'unica salvezza è l'ironia, come ci dimostrano un paio di video-spottoni.

Il papà: la novità di Wind

/
L'avete visto? E cosa ne pensate? Qualche osservazione sull'ultimo video super- emotivo di Wind.

Il dono della sintesi e la mia vita in bullet point

/
One-page-memo-style. Dal 1999, una mia nota di una pagina su come scrivere efficaci note di una pagina.

Cosa deve contenere il brief di una “campagna social” intesa come “progetto di conversazione” (parte 2)

/
Come si trasforma una comunicazione in conversazione? Partendo da un buon brief, dicevamo. Il formato che utilizzo riprende la strategia classica di comunicazione, e poi usa delle chiavi per “tradurla”. Eccolo.

Cosa deve contenere il brief di una “campagna social” intesa come “progetto di conversazione” (parte 1)

/
Cosa succede se invece di accontentarci di una campagna di comunicazione social vogliamo realizzare una vera conversazione? Il primo documento che deve realizzare questo cambio di prospettiva è proprio il BRIEF del progetto.

Perché non ricordiamo il 90% delle pubblicità delle auto?

/
Tranne rare eccezioni, il cosiddetto “advertising recall”, cioè il ricordo spontaneo di una pubblicità associato correttamente a un brand, è bassissimo nella categoria automotive. Colpa dell'effetto foto-copy?