Go to Top

Innovazione, Blogging e Networking… da Natale a Pasqua

uova pantone

Da Natale a Pasqua, quest’anno, il salto è stato brevissimo. Anche voi avete questa impressione?

Vogliamo riprendere allora l’argomento lasciato giusto  l’altro ieri, i KPI per il nuovo anno, per chiederci: come stiamo andando?  In tema di svolte significative e rinascite, proviamo a riprenderli in ordine sparso e a fare una checklist.

FAIL (First attempt in Learning, come mi citava qualcuno) : abbiamo imparato almeno una cosa importante da qualche tentativo fallito in questi ultimi mesi? Personalmente sto lavorando a un progetto importante e il  mantra che mi aiuta molto è  “Se non ci provo, non saprò mai se funziona”. Mi dà un senso di tranquillità: per quanto l’investimento possa risultare rischioso e generare una “perdita”, aver provato è in sè una realizzazione importante, da cui nascerà sicuramente un guadagno (rispetto a non provarci affatto).

ADVISORY: abbiamo chiesto consigli e riscontri a qualcuno di cui ci fidiamo?  Attenzione, i feedback vanno accolti, ragionati e interiorizzati. Mi è capitato più di una volta di dare feedback in seguito a una richiesta (che apprezzo sempre molto e a cui dedico quindi tutta la mia attenzione) e ricevere poi risposte difensive.  Ma se non accetti il mio feedback e lo contraddici, perché l’hai chiesto?

THINK BIG: Abbiamo concepito almeno una nuova idea? Ma non basta averla concepita e messa nel cassetto, occorre invece averla messa sul tavolo per analizzarla insieme ad altri. Qui c’era un minitutorial per chi ne produce anche troppe, di idee, e ha poi problemi a gestirle.

CONNECTION: Abbiamo presentato due sconosciuti, online o offline,  favorendo una scintilla, un’intuizione che prima non c’era (di qualunque tipo sia la scintilla)?

Nelle ultime settimane qualcuno mi ha presentato qualcun altro che aveva un nuovo progetto editoriale, e l’ho sposato subito (il progetto). Non solo, qualcuno arrivato grazie alla pagina Entra nel Team, mi ha presentato un’altra persona che ora è effettivamente entrata nel team. Qualcuno che ha letto qualche mio commento in un gruppo Facebook si è introdotto con un cv, abbiamo fatto una chiacchierata qui a Roma, e ho apprezzato moltissimo l’intraprendenza e la voglia di imparare. Non tutti i trentenni sono il ritratto di questa Italia sfiduciata, per fortuna.

Per non parlare degli effetti indotti dal blogging su LinkedIN, che ha generato per esempio l’apprezzamento di una ex collega che alll’epoca mi aveva conosciuta molto poco, e che ho reincontrato adesso, con altri occhi.

Adoro insomma questo genere di connessioni casuali ma molto ricche di senso.

CURIOSITY:  Siamo usciti dal nostro solito campo per indagare qualcosa che non conoscevamo ? Beh, potrei dire che sto leggendo un libro sulla felicità di Christian Boiron (sì, proprio quello dei Laboratori Boiron), e un altro libro sul comodino è questo.

Sento il bisogno di una maggiore spiritualità, di una capacità di distacco dalle preoccupazioni materiali. Ma posso fare sicuramente di meglio.

Recentemente, proprio applicando tutti questi approcci, ho cercato su Facebook il contatto con nuove persone (blogger) per una chiacchierata sui loro interessi e il loro rapporto con il marketing. Il requisito era che non ci conoscessimo già. Cosa vogliono, cosa cercano le persone che coltivano una loro passione in Rete?  I blogger si comportano ormai da attori del mercato, hanno i loro Media Kit e i loro listini. Eppure, facendo le giuste domande, hanno alcuni bisogni fondamentali che bisogna saper interpretare.

Il risultato è stato molto interessante,  e ve ne parlerò presto.

Commenti

Powered by Google+ Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*